San Felice del Molise

Il centro sorge su di un colle dal quale si è a diretto contatto visivo con la costa adriatica, con le isole Tremiti e con il Gargano.
Suggestive le quinte prospettiche generate dai vicoli e proiettate sul sistema collinare.
Le origini, pur risalendo all’epoca normanna, si consolida con l’insediamento di colonie di slavi, ad opera dei Pappacoda di Larino, per ripopolare il territorio, gravemente provato da una pestilenza.
Il borgo contiene la duecentesca chiesa dedicata a Santa Maria di Costantinopoli, costruita da maestranze della scuola benedettina di Canneto; si presenta a noi, dopo diversi rimaneggiamenti, con gli stilemi tipici dell’architettura romanico-gotica.
Il suo interno conserva un organo ligneo di stile barocco, ricoperto di oro zecchino, ed una statua raffigurante S. Antonio Abate, opera di Paolo Saverio di Zinno.
Il territorio offre “la Cappella”, chiesa dedicata al santo Felice Papa, patrono del borgo, la cui costruzione, potrebbe risalire all’epoca normanna.
Sovrasta il portale la scultura lapide raffigurante S. Felice.
 
 
Il borgo
 
Gastronomia/antropologia
     
 
valtrignoturismo
000.000000
Acquaviva Collecroce
Carunchio
Castelguidone
Castelmauro
Celenza sul Trigno
Dogliola
Fresagrandinaria
Lentella
Mafalda
Montefalcone nel Sannio
Montemitro
Palmoli
Roccavivara
San Felice del Molise
San Giovanni Lipioni
Schiavi d'Abruzzo
Tavenna
Torrebruna
Trivento
Tufillo
 
 
 
 
 
 
Scopri il territorio
Acquaviva Collecroce
Castelguidone
Carunchio
Castelmauro
Celenza sul Trigno
Dogliola
Fresagrandinaria
Lentella
Mafalda
Montefalcone nel Sannio
 
Montemitro
Palmoli
Roccavivara
San Felice del Molise
San Giovanni Lipioni
Schiavi d'Abruzzo
Tavenna
Torrebruna
Trivento
Tufillo
Idee di viaggio
Festival d'estate
Festival della terza età
Festival di fine anno
Festival dei saperi
Festival dell'olio nuovo
Festival della vendemmia
 
 
 
 
Box val Trigno
Box romantica
Box avventura
Box benessere
Box degustazioni
 
 
 
 
 
 
Informazioni
Home
Press
Chi siamo
info@valtrignoturismo.it
 
e-learning
 
 
 
 

Copyright 2014, Centro Studi Ambientali e Territoriali